Istituto Comprensivo n°1 Riccione, viale Einaudi 25-47838 Riccione Tel: 0541/697754-Fax: 0541/648661
Email: rnic81400q@istruzione.it -PEC: rnic81400q@pec.istruzione.it

Regolamento del Corso ad indirizzo musicale

Regolamento interno del Corso ad Indirizzo Musicale Scuola Secondaria di 1° grado dell’Istituto Comprensivo N.1 – Riccione

Il corso “ad indirizzo musicale” è organizzato tenendo conto del Piano dell’Offerta Formativa (P.T.O.F.) della Scuola e degli ordinamenti vigenti in materia di insegnamento dello strumento musicale nella scuola secondaria di I grado.

PREMESSA

Valore dell’insegnamento dello Strumento musicale e obiettivi educativi

L'insegnamento strumentale integra ed arricchisce l'insegnamento obbligatorio della musica nel più ampio quadro delle finalità della secondaria di I grado e del progetto complessivo di formazione della persona. Esso concorre alla più consapevole appropriazione del linguaggio musicale, di cui fornisce all'alunno una piena conoscenza, integrando gli aspetti tecnico-pratici a quelli teorici, lessicali, storici e culturali che già costituiscono la complessiva valenza dell'educazione musicale, che vengono così a sostegno dello stesso insegnamento strumentale. Sviluppare la pratica strumentale significa fornire agli alunni, oltre alla conoscenza di un ulteriore linguaggio, una maggiore capacità di espressione e coscienza razionale ed emotiva, nonché migliore conoscenza di sé; tutto questo, arricchendo e potenziando le finalità generali del Piano dell’Offerta Formativa della Scuola. Obiettivi del corso triennale di Strumento, quindi, una volta fornita una completa e consapevole alfabetizzazione musicale, sono alcuni traguardi essenziali che dovranno essere da tutti raggiunti. Il rispetto delle finalità generali di carattere orientativo della scuola media non esclude la valorizzazione delle eccellenze, a cui sarà aperta la possibilità di intraprendere e proseguire un’attività strumentale professionale.

Art.1

La scelta del Corso ad indirizzo musicale è opzionale. Tale opzione è espressa all'atto dell'iscrizione alla classe prima, con l'indicazione, non vincolante, dell'ordine di preferenza tra i quattro strumenti insegnati. Dovendo pervenire ad un’equa distribuzione tra gli strumenti, l’assegnazione può non corrispondere alla scelta espressa nel modulo d’iscrizione. Una volta scelto ed assegnato dalla Scuola, lo Strumento musicale diviene a tutti gli effetti materia curricolare, ha la durata di tre anni ed è parte integrante del piano di studio dello studente nonché materia degli Esami di Stato al termine del primo ciclo d’istruzione.

Art.2

AMMISSIONE AL CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE

Si accede sostenendo un test orientativo-attitudinale.

Il Test si svolge di norma entro 10 giorni dal termine delle iscrizioni alle classi prime per l’anno scolastico successivo. La data del test è fissata dal Dirigente Scolastico e resa nota con la pubblicazione del modulo per le iscrizioni on - line; il test si può svolgere entro eventuali sessioni suppletive disposte dal Dirigente Scolastico, per tenere conto di casi ed esigenze particolari che presentino giustificati motivi, o in caso di posti rimasti disponibili nelle classi di Strumento.

Art.3

FORMAZIONE DELLA COMMISSIONE

La Commissione esaminatrice è composta dagli insegnanti di Strumento musicale in servizio nella scuola.

Art.4

MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEL TEST ORIENTATIVO-ATTITUDINALE

Il test orientativo-attitudinale è articolato nel seguente modo:

La prova psicofisico-attitudinale intende valutare le attitudini musicali degli aspiranti attraverso test specifici appositamente studiati. Tutti gli iscritti verranno sottoposti alle seguenti prove, ad ognuna delle quali sarà assegnato un punteggio espresso in decimi. La valutazione unica e finale, però, tenendo conto di tutte le prove, sarà espressa in trentesimi.

La prova prevede le seguenti tipologie di test:

Accertamento:

-          Del senso ritmico: vengono proposte n. 10 sequenze ritmiche. Il docente esegue su di un tamburo una sequenza alla volta, chiedendo all’esaminato di ripeterla immediatamente dopo;

-          Della capacità di riconoscimento dell’altezza dei suoni: vengono proposti due suoni alla volta, chiedendo all’esaminato di riconoscere tra questi il più acuto o il più grave;

-          Della intonazione della voce: il candidato è invitato a cantare una canzoncina a piacere e/o ad intonare brevi sequenze melodiche;

-          Della predisposizione fisica: presupposto indispensabile per indirizzare il bambino alla giusta scelta dello strumento in base alle proprie inclinazioni e caratteristiche fisiche. Si precisa che tale prova non prevede unavalutazione numerica, pur essendo determinante per l’assegnazione dello strumento.

Non è richiesta alcuna preparazione musicale, né tantomeno la conoscenza pratica di uno strumento; tuttavia, qualora il candidato sia in grado di suonare o cantare un qualsiasi brano o studio, può cimentarsi in una prova pratica; la commissione potrà disporre se valutare o meno tale prova.

PARAMETRI DI VALUTAZIONE DELLE PROVE

Punteggio da 18 a 30: idoneo.

Gli alunni che saranno valutati con punteggio compreso tra 18/30 e 30/30 saranno ritenuti idonei e pertanto inseriti nella graduatoria.

Art.5

FORMAZIONE DELLA CLASSE AD INDIRIZZO MUSICALE

Gli alunni ammessi al corso di Strumento andranno a comporre la classe Prima del Corso ad Indirizzo Musicale. Al termine delle prove orientative psicofisico-attitudinali, verrà stilata una graduatoria contenente tutti i nominativi dei candidati che hanno sostenuto le prove, ordinati in base al punteggio che hanno ottenuto nel test orientativo-attitudinale (dal punteggio più alto al più basso) e consultabile presso l’ufficio alunni dell’Istituto; la classe 1^ costituita ad Indirizzo musicale verrà tempestivamente pubblicata all’Albo e sarà consultabile sul sito della scuola entro 15 giorni dalla conclusione dei test orientativi-attitudinali. Il numero di alunni ammessi a frequentare il Corso ad Indirizzo Musicale è determinato dal punteggio ottenuto in graduatoria, a partire da quello più alto. Si terrà conto anche del numero dei posti disponibili, definito dal Dirigente Scolastico sulla base dell’organico dei docenti assegnato alla Scuola.

Art.6

SCELTA ED ASSEGNAZIONE DELLO STRUMENTO: L’alunno può esprimere all’atto dell’iscrizione l’ordine di preferenza degli strumenti insegnati nel Corso di Strumento Musicale. Le indicazioni fornite hanno valore informativo e orientativo, ma non vincolante. L’assegnazione dello strumento è determinata dalla Commissione, tenendo conto del risultato del test orientativo-attitudinale e della disponibilità dei posti nelle singole cattedre di strumento. La valutazione di merito e l'assegnazione dello strumento espressa dalla commissione è insindacabile. In caso di parità di punteggio e posto disponibile si procederà al sorteggio.

Art.7

RINUNCE E PASSAGGI AD ALTRO CORSO. Entro 10 giorni dalla data di pubblicazione delle graduatorie della prova attitudinale è ammessa rinuncia alla frequenza al Corso di Strumento Musicale, mantenendo il diritto a rientrare nella graduatoria per la formazione delle normali classi. Superato tale termine, è possibile rinunciare al corso entro il mese di settembre, e comunque perdendo il diritto di scelta della scuola; in altri termini, in caso di mancanza di posti disponibili nelle altre classi della scuola, il genitore dovrà provvedere a trovare per il proprio figlio una locazione possibile in altro istituto. Il posto rimasto vuoto nella classe ad Indirizzo Musicale sarà messo a disposizione del primo nominativo in graduatoria rimasto escluso al momento della formazione della classe. Nel corso dei tre anni di scuola, avviato dunque il percorso di studio, la rinuncia è ammessa solo per gravi, giustificati e sopravvenuti motivi, presentando certificazione rilasciata dal medico specialista, che comprovino l'impossibilità della frequenza e/o dello studio dello strumento. La rinuncia sarà accolta con determina del Dirigente Scolastico e prevede in ogni caso l’allontanamento dalla classe a indirizzo musicale. In caso di mancanza di posti disponibili nelle altre classi della scuola, il genitore dovrà provvedere a trovare per il proprio figlio una locazione possibile in altro istituto. Non sono ammessi assolutamente passaggi da uno strumento all’altro, fatta salva una rivalutazione della intera graduatoria di strumento da parte della Commissione.

Non è ammesso il ritiro dal corso tranne che per eccezionali e sopravvenuti motivi certificati, presentando certificazione rilasciata dal medico specialista, che comprovino l'impossibilità della frequenza e/o dello studio dello strumento.

Art.8

ORGANIZZAZIONE DELLE LEZIONI DI STRUMENTO MUSICALE

Le lezioni del Corso di Strumento Musicale si svolgono in orario pomeridiano a partire dalle ore 13,05. I corsi sono organizzati, a cadenza settimanale, e prevedono:

- n.1 lezione individuale, il cui orario viene stabilito in accordo con il docente all’inizio dell’anno scolastico;

-n. 1 lezione di musica d’insieme.

L’articolazione oraria delle attività è determinata dalla Scuola. Il calendario settimanale delle lezioni ordinarie è articolato di massima dal lunedì al venerdì; l’orario dei Docenti è stabilito dal Dirigente Scolastico in base alla programmazione didattica e in applicazione dell’Autonomia scolastica, strutturando l’orario dei singoli docenti con la flessibilità legata alla necessaria realizzazione di attività di musica di insieme, eventi ed esibizioni di singoli, ensemble ed orchestra, e non possono essere modificati per esigenze personali delle famiglie degli alunni. Tali orari possono, tuttavia, subire delle variazioni in base a necessità tecnico-organizzative, che saranno preventivamente comunicate.

Al termine delle lezioni del mattino, i docenti di strumento attendono i propri alunni per accompagnarli nell’aula dove si svolgeranno le lezioni e dove i ragazzi della seconda ora potranno consumare un pasto veloce portato da casa sotto la sorveglianza degli stessi docenti. Gli alunni, che pur dovendo fermarsi a lezione ne sono impossibilitati, devono presentare regolare richiesta di uscita anticipata ed essere prelevati da un genitore o da chi ne fa le veci. Parimenti, dovranno presentare regolare giustificazione la mattina successiva all’assenza coloro che non si presenteranno alla lezione pomeridiana.

Art.9

PARTECIPAZIONE DEGLI ALUNNI ALLE ATTIVITÀ

Agli alunni iscritti ai corsi ad indirizzo musicale è richiesta a casa una pratica costante con lo strumento. Ogni alunno frequentante il Corso ad Indirizzo Musicale deve avere uno strumento musicale personale per lo studio quotidiano. Le attività del Corso ad Indirizzo Musicale sono curricolari e hanno quindi priorità su eventuali attività “aggiuntive” ed extrascolastiche. La famiglia garantisce la frequenza dell’intero monte ore settimanale, compresi i rientri pomeridiani e le manifestazioni musicali eventualmente programmate dalla scuola. L’orario pomeridiano concorre alla formazione del monte ore annuale ed è parte integrante dei criteri di ammissione allo scrutinio finale. La mancata partecipazione alle lezioni individuali, alle prove d’insieme, alle prove orchestrali, agli eventi e ai concerti organizzati durante l’anno scolastico e la mancanza di pratica strumentale a casa sono motivo di esclusione dal corso di strumento. Tale esclusione viene decretata dal Dirigente Scolastico, su indicazione del Docente di strumento, sentito il Consiglio di Classe interessato e prevede il trasferimento dell’alunno in altra classe. In caso di mancanza di posti disponibili nelle altre classi della scuola, il genitore dovrà provvedere a trovare per il proprio figlio una locazione possibile in altro istituto.

Art.10

Assenze dei Docenti di strumento musicale

Se un docente di strumento musicale comunica la propria assenza nel giorno in cui deve prestare servizio, l'ufficio di segreteria informerà tempestivamente gli alunni interessati e telefonicamente avviserà (fonogramma) i genitori della loro uscita alle ore 13,00. Se i genitori non sono rintracciabili gli alunni rimarranno a scuola ospitati da un'altra classe di strumento musicale. Se l'assenza dell'insegnante coincide con i giorni in cui sono previste le lezioni collettive di teoria, solfeggio e musica d'insieme gli alunni interessati seguiranno le lezioni con i docenti di strumento presenti. Se il docente si assenta per un lungo periodo e il supplente non è facilmente reperibile, gli studenti interessati seguiranno le lezioni con gli altri insegnanti presenti, facendo attività di potenziamento di musica d’insieme, o da camera (piccole formazioni), attività complementari: teoria e solfeggio, studio collettivo di brani ed esercizi, applicazione delle percussioni, ascolto attivo. Nei casi in cui ci fossero particolari esigenze dovute a prove generali, saggi, concerti ecc., gli alunni, dopo preventivo avviso alle famiglie, resteranno a scuola e saranno sotto la tutela dei docenti di strumento musicale presenti. Se un docente sa già con largo anticipo che dovrà assentarsi (permessi, visite specialistiche ecc.) sarà sua cura informarsi che i genitori degli alunni interessati siano a conoscenza dell’assenza.

Art.11

Assenze degli alunni

Si ricorda che le assenze dalle lezioni pomeridiane dovranno essere giustificate il giorno dopo, all’insegnante della prima ora del mattino. Le assenze dalle lezioni di Strumento e di Musica d’Insieme contribuiscono a formare il monte ore annuale ai fini del calcolo per la validità dell’anno scolastico. Pertanto, qualora superino tale monte ore, ciò comprometterà la non ammissione all’anno successivo ovvero la non ammissione agli esami finali del terzo anno. Come per tutte le altre materie curriculari è ammesso un numero massimo di assenze pari al 25 % del monte ore annuale.. La certificazione va presentata all’attenzione del Dirigente Scolastico che si riserva comunque di valutare la sussistenza della richiesta.

Art.12

Permessi ed autorizzazioni

I permessi relativi alle uscite anticipate vengono rilasciati dall'insegnante di strumento musicale della classe, previa richiesta scritta e a condizione che l'alunno venga ritirato da uno dei genitori o da un loro delegato maggiorenne o che ci sia un'autorizzazione scritta del genitore a far uscire il figlio da scuola senza che qualcuno lo prelevi. L'uscita anticipata sarà annotata sul registro di classe al quale verrà allegata anche l'autorizzazione.

Art.13

Modifiche e/o integrazioni

Il presente regolamento potrà essere modificato e/o integrato durante l'anno scolastico qualora se ne ravvisasse la necessità. Per tutto quanto non espresso nei suindicati articoli si rimanda al regolamento generale dell'istituto allegato al piano dell'offerta formativa.

 

 

Il presente REGOLAMENTO DEL CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO è stato approvato in Consiglio di Istituto il 21/12/2017 con delibera N° 44/2017.

RICCIONE, 21/12/2017

IL DIRIGENTE SCOLASTICO
Prof.ssa Liliana Gagliano

Firma autografa sostituita a mezzo stampa
ai sensi dell’art. 3, c.2 D. Lgs 39/1993